Hotel in mostra
Martedì, 05 Marzo 2013
Apriamo una nuova “finestra” sul nostro sito web www.culturalidentity.eu nel settore “Mostre” dal titolo “HOTEL IN MOSTRA”: infatti parliamo di particolari tipi di hotel che, per il loro design - di esterni o di interni - raccontano l’identità del territorio e, con l’aiuto di artisti, designer, architetti, non solo ospitano mostre d’arte ma costituiscono essi stessi oggetto di una mostra. E non è scontato che, in Italia, si trovino nelle grandi città come Roma o Milano,... Read More...
Nuovo sito in linea
Martedì, 05 Marzo 2013
L'associazione ICsociety è sempre all'avanguardia nella tecnologia e nell'aspetto e propone per il 2013 un nuovo sito con magazine aggiornati, pubblicazioni e news per farvi essere sempre aggiornati sugli eventi e progetti dell'associazione! Read More...
Un Manifesto per il [buon]senso economico
Martedì, 05 Marzo 2013
Pubblichiamo, tradotto in italiano, il manifesto di Paul Krugman e Richard Layard pubblicato oggi dal Financial Times e sul sito manifestoforeconomicsense.org. Sebbene nelle premesse si rivolga solo agli “economisti mainstream”, i contenuti sembrano convergenti con molte delle analisi e delle proposte avanzate anche in altre parti della teoria economica. Ma soprattutto è un attacco alla visione del rigore e dell’austerità in stile anni ’30 oggi tornata prevalente (dalla Fondazione... Read More...

Link utili

by Free Games
Magazine 1 febbraio 2013

Edizioni I.C.S. International Communication Society - Via Paolo Buzzi, 46/e 00143 Roma
Autorizzazione Tribunale di Roma n. 126 del 3 aprile 2001 - Direttore Responsabile: Augusta Busico

 

Le sponsorizzazioni rappresentano solitamente una notevole voce di entrata per le Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche (ma anche per gli altri Enti non commerciali, tra cui le Associazioni di Promozione Sociale, le Associazioni Culturali, le ONLUS, …).
Queste consistono, prendendo le parole proprio dalla Guida editata dall’Agenzia delle Entrate relativamente alle agevolazioni fiscali a favore dell’attività sportiva dilettantistica, nel “mezzo (o accordo) attraverso cui una parte (sponsor), per avere notorietà pubblica, eroga mezzi economici all’altra parte (sponsorizzato) che si impegna ad effettuare determinate prestazioni per far sì che si realizzi questo ritorno di immagine”. Prosegue poi la Guida precisando che per lo sponsor “ai fini delle imposte dirette, le somme erogate da un contribuente che produce reddito d’impresa sono assimilate, fino ad un importo massimo di 200.000 euro, alle spese di pubblicità”.

Le associazioni e società sportive dilettantistiche che abbiano per la scelta del regime fiscale agevolato (legge 398 del 1991) determinano l’imposta sul valore aggiunto in modo forfetario, e cioè applicando percentuali specifiche in relazione ai proventi conseguiti, che nel caso che ci occupa delle sponsorizzazioni consiste nel 90 per cento dell’IVA a debi to sul le fat ture emes se per sponsorizzazioni.
Senza timore di essere smentiti, di questo strumento molte aziende da un lato e molte società ed associazioni sportive dilettantistiche dall’altro hanno negli anni abusato, vedendo in esso il mezzo ideale per far fronte alle rispettive necessità (“lavare del denaro” ed incassare denari).
Per un orientamento definitivo a tale proposito bisogna rifarsi all’ultima pronuncia della Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia (sentenza numero 116/2012) dove è stato affermato che “in presenza di spese per sponsorizzazione di associazioni sportive dilettantistiche è l'Agenzia che deve dimostrare che tali rapporti di sponsorizzazione pubblicitaria non siano effettivamente intercorsi”. I giudici tributari chiamati a dirimere le questioni in oggetto hanno fatto riferimento alla circolare n. 21/E del 22 aprile 2003, dove si è affermato che la Legge 289/2002 introduceva nel l 'ordinamento tributario una presunzione assoluta circa la natura di tali spese che avrebbero dovuto essere considerate, entro il limite dei 200 mila euro su base annua, spese di pubblicità, e che come tali si sarebbero rese integralmente deducibili ai fini del reddito d'impresa. In base a tale interpretazione e nei limiti del suddetto importo, si riterrebbe (il condizionale è d’obbligo) escluso qualsiasi sindacato di merito da parte degli organi verificatori con riferimento all’utilità di tali spese, all’inerenza e alla capacità di apportare maggiori ricavi o proventi a chi li eroga.
Nelle sentenze esaminate infatti, si prende atto dell’esistenza di due requisiti che sono richiesti dalla circolare sopra indicata tali da certificare in maniera assoluta l’inerenza dei costi e consistenti:

  • nella destinazione dei corrispettivi ricevuti alla promozione dell’immagine o dei prodotti del soggetto che li eroga;
  • in una specifica attività del beneficiario della sponsorizzazione in relazione all’erogazione ricevuta.

Naturalment e poi dovrà essere riscontrabile l’effettività della spesa (tracciabilità), la coincidenza dei destinatari con quelli espressamente richiamati dalla norma oltre che l’adempimento del beneficiario della sponsorizzazione agli obblighi posti a suo carico nel contratto.
Ciò dal momento che le somme che vengono erogate a tale titolo rientrano nei parametri qualitativi e quantitativi contenuti nel comma 8 dell’articolo 90 della Legge 289 del 2002 (“Il corrispettivo in denaro o in natura in favore di società, associazioni sportive dilettantistiche e fondazioni costituite da istituzioni scolastiche, nonché di associazioni sportive scolastiche che svolgono attività nei settori giovanili riconosciuta dalle Federazioni sportive nazionali o da enti di promozione sportiva costituisce, per il soggetto erogante, fino ad un importo annuo complessivamente non superiore a 200.000 euro, spesa di pubblicità, volta alla promozione dell'immagine o dei prodotti del soggetto erogante mediante una specifica attività del beneficiario, ai sensi dell'articolo 74, comma 2, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917”).

 

 

Aniello Meloro

 

pdf-icon


Per scaricare il file in pdf: N.3.icsociety 1-2-2013