Hotel in mostra
Martedì, 05 Marzo 2013
Apriamo una nuova “finestra” sul nostro sito web www.culturalidentity.eu nel settore “Mostre” dal titolo “HOTEL IN MOSTRA”: infatti parliamo di particolari tipi di hotel che, per il loro design - di esterni o di interni - raccontano l’identità del territorio e, con l’aiuto di artisti, designer, architetti, non solo ospitano mostre d’arte ma costituiscono essi stessi oggetto di una mostra. E non è scontato che, in Italia, si trovino nelle grandi città come Roma o Milano,... Read More...
Nuovo sito in linea
Martedì, 05 Marzo 2013
L'associazione ICsociety è sempre all'avanguardia nella tecnologia e nell'aspetto e propone per il 2013 un nuovo sito con magazine aggiornati, pubblicazioni e news per farvi essere sempre aggiornati sugli eventi e progetti dell'associazione! Read More...
Un Manifesto per il [buon]senso economico
Martedì, 05 Marzo 2013
Pubblichiamo, tradotto in italiano, il manifesto di Paul Krugman e Richard Layard pubblicato oggi dal Financial Times e sul sito manifestoforeconomicsense.org. Sebbene nelle premesse si rivolga solo agli “economisti mainstream”, i contenuti sembrano convergenti con molte delle analisi e delle proposte avanzate anche in altre parti della teoria economica. Ma soprattutto è un attacco alla visione del rigore e dell’austerità in stile anni ’30 oggi tornata prevalente (dalla Fondazione... Read More...

Link utili

by Free Games

Comunicato stampa 

COSÍ É NATO L’UOMO, O SIGNORI: 

IL SESTO GIORNO di Primo Levi 

Roma, 5 gennaio 2013, ore 10.00 - Sala Conferenze Biblioteca Nazionale Centrale, Viale Castro Pretorio 105 (possibilità di parcheggio) 

 

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti (500) 

 

A4L’evento che si propone si inserisce nel dibattito che si è sviluppato negli ultimi decenni sull’origine dell’uomo tra Fantascienza, Scienza e Religione: la relazione tra i termini si ripropone nella Tavola Rotonda introduttiva coordinata dalla giornalista Augusta Busico, esperto Presidenza Consiglio Ministri, e con la partecipazione di Antonio di Meo, storico della scienza, docente Università La Sapienza di Roma, autore del libro Primo Levi e la scienza come metafora; di Carlo Giustozzi, giornalista scientifico e di mons. Giangiulio Radivo, presidente Fondazione Cardinale Cusano onlus, giornalista di Radio Vaticana 

I mondi umanistico e scientifico non sono estranei fra loro, anzi sono complementari: il teatro è una forza, la scienza ne rappresenta un’altra, che li unisce. La scienza ha in se stessa la propria teatralità. Le grandi controversie, per esempio, potenti motori dell’attività scientifica, presentano delle caratteristiche drammatiche evidenti. 

Grazie alle caratteristiche che gli sono proprie, il teatro può proporre all’educazione e alla cultura scientifica e tecnica, degli obiettivi originali in rapporto alle altre forme che possono assumere. 

Lo spettacolo deve continuare a lavorare nei cervelli dopo che i fari si sono spenti perchè lo spettacolo vivente parla a tutti i sensi, e quindi contemporaneamente al corpo e al cervello. 

Perché “Il sesto giorno” di Primo Levi? 

Il testo scelto per la mise en espace è tratto dalla raccolta di Primo Levi “Storie naturali” del 1966, ed è stato più volte rappresentato dall’Associazione I.C.S. International Communication Society anche in francese e spagnolo. 

Fa parte di un filone dell’opera di Levi meno noto, legato all’esperienza nel campo della chimica, dal quale scaturiscono le “Storie naturali”, 1966, e “Il sistema periodico”, 1975. E’ innegabile che in questi racconti Levi si sia lasciato guidare dal gusto dell’assurdo, oltre che da una precisa volontà di divertire attraverso una satira venata di poesia. 

Il sesto giorno riguarda il tempo in cui il Creatore si appresta a dare la vita all’uomo. Ma a quali criteri attenersi? Quale forma dargli? Levi non fa altro che immaginare che Dio, come qualsiasi altro potente, si affidi ad un gruppo di esperti: quindi l'atto creativo si intreccia con il lavoro di una équipe di esperti scienziati riuniti al tavolo di una pseudo-azienda. Arimane, capo di questo consiglio di amministrazione, sollecita ai diversi consiglieri la conclusione del progetto per il «modello Uomo», cioè «il dominatore, il conoscitore del bene e del male [...] l'essere costruito ad immagine e somiglianza del suo creatore». 

La creazione dell'uomo è il risultato di una progettazione di fabbrica fatta da una équipe di specialisti divini esperti in anatomia, psicologia, acque, termodinamica, chimica e meccanica, che lavorano di comune accordo, a esclusione dell'economo, che si oppone perché «col bilancio ve la vedrete voi» e il suo parere è «inappellabile», e Ormuz, che fa notare «i pericoli connessi con l'inserimento del cosiddetto Uomo nell'equilibrio planetario attuale». 

Mentre gli esperti discutono animatamente su quale forma e quali particolarità debba avere l'uomo e la discussione si protrae all’infinito…un evento nuovo offre una soluzione inaspettata… 

 

Ufficio Stampa e Informazioni: 

Associazione I.C.S. tel. 0670453308; 335376186; 

fax 0677206257; email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ASI CIAO Coordinamento Provinciale di Roma 

tel. 06 45438002; email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">

 

pdf1._IL_PROGETTO.pdf16.55 KB15/03/2014, 20:38